Autorotazione sotto vela

L’ effetto evolutivo dell’ elica si può definire come la tendenza allo spostamento laterale della poppa di una barca quando si innesta la marcia indietro prima che l’ imbarcazione riprenda dell inerzia ; questa non è causata dalla spinta laterale dell’ elica , ma bensi dalla sua scia , il cui scorrere asimmetrico crea una turbolenza che tende a deviare lo scafo lateralmente.
Tutte le eliche hanno una scia che esce nella direzione inversa alla direzione d’ avanzamento della elica. Questa scia è deviata dalla rotazione dell’ elica che trasferisce un’ energia non parallela all’ asse dell’ albero dell’ elica.
Per questo il fattore principale dell’ effetto evolutivo dell’ elica è : l’ angolo d’ inclinazione dell’ albero . Più l’asse è inclinato, maggiore sarà la spinta asimmetrica applicata fortemente contro lo scafo. A questo fattore si aggiungono : la posizione dell’ elica rispetto allo scafo, il volume d’ acqua spostato e la velocità alla quale questa fluisce sullo scafo.
In aggiunta, certi alberi dell’ elica sono leggermente spostati rispetto al centro della chiglia, per consentire il loro smontaggio senza l’ obbligo di smontare il timone. Questa caratteristica aggrava o attenua, l’ effetto della spinta asimmetrica in funzione del lato verso il quale l’ albero è orientato.
Questa analisi merita un attimo di riflessione : infatti se la spinta asimmetrica fosse la conseguenza diretta della spinta laterale dell’ elica, la poppa si sposterebbe altrettanto violentemente nella direzione opposta all’ inserimento della marcia avanti. Pertanto questo fenomeno non si produce.
In marcia indietro, l’ aumento della spinta asimmetrica che può apparire dopo l’ installazione di un elica Kiwiprop ™ è determinata semplicemente dall’ aumento della spinta e dello scorrere d’ acqua sulla carena dovuto al passo massimo su cui lavora l’ elica. Questa differenza sarà molto più marcata quando l’ elica Kiwiprop sostituisce un elica ripiegabile, che di natura fornisce una spinta mediocre in marcia indietro, e di conseguenza uno scarso flusso d’ acqua sulla carena.
Le trasmissioni saildrive non producono sulla carta alcuna spinta asimmetrica, in quanto l’ albero è orizzontale, ciò che riduce il fluire contro lo scafo . Questa osservazione ci indica una volta di più, che questo fenomeno è causato contemporaneamente dalla forma dello scafo e dall’ inclinazione dell’ albero e non dall’ elica stessa.
In altri termini ogni ricerca mirata ad eliminare o semplicemente ridurre la spinta laterale modificando la forma delle eliche è inutile, in quanto il problema è specificamente legato all’architettura della imbarcazione.
La cosa realmente importante per un elica, è la capacità di generare la più grande spinta possibile in marcia indietro ad un basso regime motore, in modo tale da permettere alla barca, di prendere un movimento inerziale il più rapidamente possibile, con il conseguente flusso dell’ acqua sul timone che permetterà altrettanto rapidamente un’ agevole manovrabilità.
Noi siamo convinti della efficacità superiore delle eliche Kiwiprop™ in questo campo. Nonostante ciò la spinta laterale resta un problema raramente evocato dagli utilizzatori delle nostre eliche.